Il commercio marittimo in Sardegna nel Settecento
autore: GIORGIO PUDDU
editore: Cuec
anno: 2010
categoria: storia
lingua: Italiano
confezione: Brossura
peso: 540 g
prezzo: €  15.00
note: Riformismo e restaurazione sabauda
formato 17x24
261 pagine

Un'analisi del commercio marittimo del regno di Sardegna nel Settecento non può prescindere dalla presa d'atto di quegli impulsi che, al di là delle iniziative intraprese dal governo di Torino, chiamano in causa tutto quello sviluppo dei traffici che dagli oceani si riverbera anche sul Mediterraneo. Pur in misura modesta, e in un arco temporale che dall'età boginiana giunge alla nuova realtà politica di Vittorio Amedeo III, il regno partecipa a questo accresciuto orizzonte commerciale, ricco di suggestioni, ma anche di promettenti forme di progettualità. Normative tese a migliorare la funzionalità delle dogane, come progetti volti ad accogliere più adeguatamente i mercantili nei porti, fanno parte di questa nuova realtà. Accanto a questi elementi non mancano tuttavia quegli aspetti negativi che dal fenomeno barbaresco approdano all'estensione dell'attività corsara e al contrabbando.


Ti può interessare anche:
CARLO MILLEDDU
Democratici e repubblicani in Sardegna dal Risorgimento al 1914

 
AA.VV
Antifascisti, partigiani deportati. Appunti di storie monserratine

 
GIOVANNI MURGIA
Un'isola, la sua storia. La Sardegna tra Aragona e Spagna (XIV-XVII)

 
CORRADO ZEDDA
Il giudicato di Cagliari storia, società, evoluzione e crisi di un regno sardo

 
FRANCESCO CESARE CASULA
La scrittura in Sardegna

 
AA.VV
Società Sarda 1

 
GIOVANNI LILLIU
La civiltà dei sardi