Ex oppidis et mapalibus
autore: ANTONIO IBBA
editore: Sandhi
anno: 2012
categoria: storia
lingua: italiano
confezione: brossura
peso: 450 g
prezzo: €  20.00
note:

 formato 17x24

184 pagine


 Ex oppidis et mapalibus: con questa espressione Sallustio cristallizzava una delle caratteristiche della campagna numida, dove coesistevano in un unico aggregato contadini e pastori, case di mattoni e tende, sedentari e nomadi, nuclei urbani e abitati sparsi. Il volume raccoglie cinque saggi elaborati fra il 2009 e il 2012 e dedicati ad alcuni aspetti della società africana: il complesso rapporto fra Roma e le tribù berbere durante il Basso Impero; la ricerca dell'acqua e la messa a coltura di aree altrimenti condannate alla desertificazione; il rapporto fra pastori e contadini (con numerosi confronti tratti dalla realtà sarda) e le forme di coabitazione elaborate dai Romani; l'organizzazione del lavoro nelle villae romane con particolare riferimento al ruolo degli schiavi e dei liberti e alle forme di approvigionamento di questa manovalanza; infine lo sviluppo istituzionale e culturale degli insediamenti urbani, dalle prime testimonianze in età vandala e bizantina. Superando molti luoghi comuni, traspare in queste pagine il peso determinante dell'elemento berbero e punico in Africa, capace di condizionare le scelte di Roma e di dare vita a una civiltà "meticcia" dai tratti caratteristici nel panorama delle provincie romane. 


Ti può interessare anche:
AA.VV
Storia delle fiamme gialle della sardegna

 
VITTORIO SELLA
I moti di Siniscola nella crisi sarda del 1906

 
AA.VV
Società Sarda 8

 
ANTONELLO MATTONE
Velio Spano vita di un rivoluzionario di professione

 
VELIO SPANO
Per l'unità del popolo sardo

 
AA.VV
Dizionario storico degli imprenditori in Sardegna

 
FRANCESCO MANCONI
La Sardegna al tempo degli Asburgo