Ex oppidis et mapalibus
autore: ANTONIO IBBA
editore: Sandhi
anno: 2012
categoria: storia
lingua: italiano
confezione: brossura
peso: 450 g
prezzo: €  20.00
note:

 formato 17x24

184 pagine


 Ex oppidis et mapalibus: con questa espressione Sallustio cristallizzava una delle caratteristiche della campagna numida, dove coesistevano in un unico aggregato contadini e pastori, case di mattoni e tende, sedentari e nomadi, nuclei urbani e abitati sparsi. Il volume raccoglie cinque saggi elaborati fra il 2009 e il 2012 e dedicati ad alcuni aspetti della società africana: il complesso rapporto fra Roma e le tribù berbere durante il Basso Impero; la ricerca dell'acqua e la messa a coltura di aree altrimenti condannate alla desertificazione; il rapporto fra pastori e contadini (con numerosi confronti tratti dalla realtà sarda) e le forme di coabitazione elaborate dai Romani; l'organizzazione del lavoro nelle villae romane con particolare riferimento al ruolo degli schiavi e dei liberti e alle forme di approvigionamento di questa manovalanza; infine lo sviluppo istituzionale e culturale degli insediamenti urbani, dalle prime testimonianze in età vandala e bizantina. Superando molti luoghi comuni, traspare in queste pagine il peso determinante dell'elemento berbero e punico in Africa, capace di condizionare le scelte di Roma e di dare vita a una civiltà "meticcia" dai tratti caratteristici nel panorama delle provincie romane. 


Ti può interessare anche:
CARLO DORE
Le verità scomode

 
GIORGIO SABA
Scusi, dov'è l'Ade?

 
AA.VV
Templari e ospitalieri in Sardegna

 
GIROLAMO SOTGIU
L'Italia Giolitti (testi e documenti)

 
AA.VV
I moti sociali nella Sardegna giolittiana

 
AA.VV
Cronache inedite o poco note di alcuni fatti avvenuti in seguito all'invasione tunisina sull'isola di San Pietro (1798-1803)

 
AA.VV
Archivio Storico Sardo VOLUME XXXVII